<Indietro

Viola

Viola - Bravo

BRAVO II

L’amplificatore Viola Bravo è stato progettato per essere l’ultima parola in quanto a fedeltà timbrica, musicalità e dinamica. E’ in grado di sviluppare una grande potenza di uscita e preservare allo stesso tempo i dettagli più minuti presenti nel segnale musicale. Nella sua configurazione standard esso produce 350 W continui per canale su 8 ohm. Se si desidera una potenza superiore l’amplificatore può essere configurato in due modi diversi e, lavorando come un monofonico, sviluppare fino a 1200 W continui su 8 ohm e 1600 su 1 ohm.

Tale versatilità gli permette di essere utilizzato con una grande varietà di diffusori, anche tramite successivi aggiornamenti. Per garantire il massimo isolamento dai disturbi generati dall’alimentazione il Bravo è munito di un’alimentazione di tipo “choke” ospitata in uno chassis separato.

PROGETTO SENZA COMPROMESSI

Il percorso del segnale nell’amplificatore Bravo risulta bilanciato attraverso i vari stadi di guadagno. Ciò risulta di essenziale importanza per raggiungere l’obiettivo della massima immunità dai disturbi esterni e per minimizzare le conseguenze dei potenti campi magnetici dovuti alla grande erogazione di corrente in uscita. Estrema cura è stata poi rivolta ad ogni aspetto dello schema elettrico, con l’obiettivo di eliminare anche le più piccole interferenze magnetiche all’interno dei vari circuiti. Altrettante cure sono state dedicate all’analisi delle condizioni di sovraccarico e di clipping in condizioni estreme, implementando altresì un circuito di soft clipping che minimizza la degradazione del segnale. Il controllo sulla banda passante garantisce risposte simili a segnali sia piccoli che particolarmente ampi, evitando limitazioni nello slew rate. Per la migliore accuratezza nel dominio del tempo, il Bravo è munito di uno specifico gruppo di ritardo che fa sì che ogni segnale passi attraverso l’amplificatore stesso con il medesimo ritardo temporale. In altre parole, il segnale di uscita risulta perfettamente identico a quello d’ingresso, solo più ampio. Enormi sforzi sono stati indirizzati a minimizzare la distorsione alle frequenze inferiori poiché la maggior parte dell’energia risulta concentrata a tali frequenze nei segnali musicali tipici. Per ottenere una bassa distorsione senza l’utilizzo di feedback negativo è obbligatorio utilizzare un maggior numero di dispositivi di uscita e un più raffinato schema circuitale per i livelli inferiori. Ogni Bravo possiede quindi 20 coppie di transistor di potenza. Il circuito di uscita dell’amplificatore è stato disegnato per lavorare con una corrente di riposo relativamente alta per migliorare la trasparenza e la risoluzione dei segnali di basso livello. Barre di rame iperpuro aumentano l’efficienza della distribuzione della potenza all’interno dell’amplificatore ed eliminano le distorsioni dovute ai cablaggi abitualmente usati negli amplificatori ad alte prestazioni. Condensatori a film sono utilizzati sulle singole schede circuitali all’interno dell’unità per creare un bypass ad alta frequenza ed assicurare che tutte le sezioni dell’amplificatore “vedano” la stessa bassa impedenza di carico dell’alimentazione. Questo è l’elemento chiave che permette al Bravo di erogare grandi potenze e preservare al medesimo tempo tutte le nuances presenti nel segnale musicale.

Viola - Bravo

ALIMENTAZIONE A BASSO RUMORE

Il cuore di ogni amplificatore è costituito dalla sua alimentazione. Il Bravo utilizza un filtro di alimentazione di tipo “choke” con trasformatore principale di 2 kVa. Quattro condensatori di filtro da 80.000 microfarad ciascuno sono inseriti nello chassis dell’alimentatore. Il progetto con alimentatore “choke” produce una quantità di interferenze elettromagnetiche di gran lunga inferiore rispetto ai progetti comunemente usati negli amplificatori di potenza. L’alimentatore ha il suo chassis separato onde evitare che campi magnetici dispersi abbiano qualche effetto sulla circuitazione audio. Il tipo di alimentazione utilizzata nel Bravo evita anche i disturbi ad alta frequenza che spesso sono correlati all’utilizzo di alimentazioni “switching”. Risulta poi meno stressante per i componenti dell’alimentazione, aumentando quindi il livello di affidabilità e la durata. Un ulteriore vantaggio di tale tipologia di alimentazione è che permette la virtuale eliminazione della distorsione di intermodulazione, incrementando ancora la qualità del suono.

EROGAZIONE SENZA SFORZO

L’amplificatore Bravo rappresenta un esempio virtualmente perfetto di “generatore di voltaggio”. Ciò significa che la potenza di uscita raddoppia ad ogni dimezzamento del carico: i 350 W su 8 ohm diventano 700 su 4 ohm e 1400 su 2 ohm, una caratteristica fondamentale per pilotare diffusori a bassa impedenza senza compressione dinamica. Nessun diffusore di alta qualità è in grado di assorbire tutta la potenza continua che il Bravo è in grado di erogare. Tuttavia molti diffusori di elevata qualità richiedono quantità di potenza molto elevate per brevi periodi mentre riproducono segnali musicali a livelli realistici. Il Bravo è in grado di far fronte a tale necessità senza sforzo, senza cedimenti da parte dell’alimentatore e senza alterare la prestazione sonica in alcun modo. La natura imperturbabile di questo amplificatore si può facilmente intuire dall’autorità e dal controllo che esercita sui diffusori. La scelta di una specifica configurazione dipenderà unicamente dalla massima potenza di uscita che si reputa necessaria in base ai diffusori, alla stanza e alle preferenze d’ascolto.

POTENZA DI USCITA ESPANDIBILE

Un considerevole aumento della potenza d’uscita è ottenibile collegando insieme i due canali a formare un singolo amplificatore monofonico. Questa procedura è indicata come “mettere a ponte”. Un secondo amplificatore Bravo risulta necessario e la configurazione possibile è di due tipi, velocemente selezionabili tramite un selettore presente sul pannello posteriore.

Modalità a semi ponte

In tal caso gli stadi di uscita dei due canali sono connessi in parallelo: questa configurazione è ideale per diffusori con un’impedenza di carico molto bassa, tipicamente da 4 fino a 1 ohm. In tal modo ogni Bravo eroga:

1.000 W su 4 ohm
1.200 W su 2 ohm
1.600 W su 1 ohm

Modalità a ponte

In tal caso un canale è alimentato da un segnale che è l’esatto opposto di quello che alimenta l’altro canale e il diffusore è collegato fra i connettori H dei due stadi di uscita. In tal modo ogni Bravo eroga:

1.200 W su 8 ohm
1.600 W su 4 ohm

CIRCUITO DI PROTEZIONE

Il Bravo utilizza un sofisticato circuito di protezione per spegnersi automaticamente qualora venga rilevata una qualsivoglia condizione che possa danneggiare l’amplificatore stesso o i diffusori ad esso collegati. Queste condizioni includono:

- la presenza di corrente continua all’uscita

- una eccessiva richiesta di corrente all’uscita

- una condizione di sovraccarico o di carico insufficiente dalla presa di corrente

- una temperatura di funzionamento pericolosa all’interno dell’amplificatore In caso di significative derive di corrente continua e di condizioni di sovracorrente l’amplificatore si spegne per auto proteggersi e proteggere i diffusori.

Le condizioni operative normali vengono rapidamente ristabilite eliminando la causa del problema e successivamente spegnendo e riaccendendo l’unità. Qualora il voltaggio di alimentazione fosse troppo alto o troppo basso per una operatività sicura, l’amplificatore si spegne e non si riaccende fino a quando la corrente di alimentazione non rientra nel range accettabile per una sicura operatività. Tale range di voltaggio è compreso fra circa 180 e 280 volt. Al di fuori di tali generosi limiti l’unità si spegne automaticamente. Qualora uno dei sensori interni dell’amplificatore dovesse rilevare un’eccessiva temperatura, di nuovo l’amplificatore si spegne autonomamente. Dopo che il problema è stato risolto e la temperatura è scesa, l’unità può venire riaccesa. L’ingresso AC di ciascun trasformatore presenta un fusibile per proteggere l‘unità da condizioni di eccessiva corrente che possano eventualmente verificarsi. Un circuito limitatore di spunto previene il rapido invecchiamento delle componenti di alimentazione dovuto alla fase di accensione e questo viene poi separato dal circuito una volta che l’alimentatore è carico. Da ultimo, il Bravo incorpora un circuito di clipping controllato che preserva i circuiti finali dalla saturazione. Questo elimina il rischio di danneggiare gli altoparlanti delle alte frequenze a causa delle armoniche ad alta energia e frequenza generate altrimenti dall’amplificatore in clipping.

SISTEMA DI RAFFREDDAMENTO

L’amplificatore Bravo possiede sia un sistema di raffreddamento convenzionale passivo tramite ampie alette di raffreddamento sia un sistema di raffreddamento attivo con due ventilatori. Questi sono stati accuratamente selezionati per il loro rumore di funzionamento ultra limitato e per una lunga durata. Durante il normale funzionamento essi girano a velocità ridotta e producono un rumore di funzionamento meccanico assolutamente trascurabile. Qualora la temperatura interna dovesse aumentare oltre un livello predeterminato, come ad esempio potrebbe succedere in un ambiente molto caldo o privo di adeguata ventilazione, le ventole girano alla massima velocità fino a che la temperatura interna non diminuisce al di sotto del livello previsto. Tale approccio assicura all’amplificatore una vita di funzionamento considerevolmente maggiore.

DESIGN

Lo chassis del Bravo utilizza un pannello frontale in pressofusione e pannelli in estrusione di alluminio superiormente e lateralmente. Tale scelta garantisce un design particolarmente pulito e lineare, senza dadi a vista.

SCHEDA TECNICA

Potenza di uscita continua

modalità stereo
350 W per canale su 8 ohm
700 W per canale su 4 ohm

modalità a semi ponte
1.000 W su 4 ohm
1.200 W su 2 ohm
1.600 W su 1 ohm

modalità a ponte
1.200 W su 8 ohm
1.600 W su 4 ohm


Ingressi
2 x XLR
2 x Fischer


Impedenza di ingresso
1 M ohm

Uscite
3 coppie di morsetti WBT per canale

Risposta in frequenza
10 Hz – 20 kHz +/- 0.15 dB
10 Hz – 100 kHz -3 dB

Ampiezza della banda di potenza
5 Hz – 100 kHz

THD
Inferiore allo 0.1 % @ 20 kHz e 350 watt

Rapporto S/R
-105 dB @ 1 kHz 350 W, pesato

Dimensioni
Amplificatore 44.7 x 23.5 x 66 cm (LxAxP)
Alimentatore 44.7 x 23.5 x 66 cm (LxAxP)

Pesi
Amplificatore 39 kg
Alimentatore 57 kg